Banca d’Italia

La Banca d’Italia è la banca centrale della Repubblica italiana e del Sistema europeo di banche centrali. La sua sede è a Palazzo Koch a Roma. Dopo la fusione delle quattro principali banche italiane, la banca è stata fondata nel 1893. L’attuale governatore è Ignazio Visco, entrato in carica il 31 ottobre 2011.

Chi siamo

La Banca d’Italia è la banca centrale della Repubblica italiana; è un istituto di diritto pubblico, regolato da norme nazionali ed europee. È parte integrante dell’Eurosistema, composto dalle banche centrali nazionali dell’area dell’euro e dalla Banca centrale europea. L’Eurosistema e le banche centrali degli Stati membri dell’Unione europea che non hanno adottato l’euro compongono il Sistema europeo di banche centrali.

Persegue finalità d’interesse generale nel settore monetario e finanziario: il mantenimento della stabilità dei prezzi, obiettivo principale dell’Eurosistema in conformità al Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea; la stabilità e l’efficienza del sistema finanziario, in attuazione del principio della tutela del risparmio sancito dalla Costituzione (Art. 47 – La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina, coordina e controlla l’esercizio del credito), e gli altri compiti ad essa affidati dall’ordinamento nazionale.

In Europa, la Banca d’Italia è l’autorità nazionale competente nell’ambito del Meccanismo di vigilanza unico (Single Supervisory Mechanism, SSM) sulle banche ed è autorità nazionale di risoluzione nell’ambito del Meccanismo di risoluzione unico (Single Resolution Mechanism, SRM) delle banche e delle società di intermediazione mobiliare.

L’assetto funzionale e di governo della Banca riflette l’esigenza di tutelarne rigorosamente l’indipendenza da condizionamenti esterni, presupposto essenziale per svolgere con efficacia l’azione istituzionale. Le normative nazionali ed europee garantiscono l’autonomia necessaria a perseguire il mandato; a fronte di tale autonomia sono previsti stringenti doveri di trasparenza e pubblicità. L’Istituto rende conto del suo operato al Governo, al Parlamento e ai cittadini attraverso la diffusione di dati e notizie sull’attività istituzionale e sull’impiego delle risorse.

La Banca d’Italia è un’organizzazione di circa 6.800 persone con competenze multidisciplinari; impiega risorse tecnologiche e finanziarie per offrire servizi di qualità agendo in maniera efficiente, responsabile e imparziale. Per svolgere al meglio le proprie funzioni, in un ambiente caratterizzato da complessità crescente e cambiamenti profondi, la Banca d’Italia delinea, nell’ambito di un sistema di pianificazione strategica, la visione, gli obiettivi di medio termine e le relative linee di azione.

Una trattazione organica dei compiti e degli obiettivi dell’azione della Banca è contenuta nel volume “La Banca d’Italia. Funzioni e obiettivi“.

Lavorare in Banca d’Italia

Istituzione al servizio del Paese e dell’Europa, la Banca d’Italia può offrirti l’opportunità di svolgere un’esperienza professionale unica nel suo genere.

Nei numerosi settori di attività, negli uffici centrali come nelle filiali, potrai acquisire qualificate competenze tecnico-specialistiche, la capacità di lavorare in gruppo e di proporre soluzioni innovative, l’orientamento ai risultati, apprendere un metodo di lavoro basato sul rigore dell’analisi, sul confronto e sull’attenzione al servizio offerto.

Se hai il titolo di studio e gli altri requisiti di volta in volta indicati dal bando, potrai partecipare a selezioni orientate alla valorizzazione del merito e ispirate ai principi della trasparenza, dell’efficienza e della obiettività. Le nostre modalità di assunzione, caratterizzate da selettività e imparzialità, sono il primo dei tanti investimenti che facciamo nel capitale umano, a garanzia della qualità dei servizi che la Banca d’Italia rende alla collettività.

In queste pagine troverai tutte le informazioni – incluse quelle sui processi di selezione e sui percorsi di carriera – di cui hai bisogno per valutare consapevolmente la nostra offerta di lavoro.


Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano connettersi tra loro in base a interessi e passioni. Per migliorare l'esperienza dei partecipanti alla community, sospendiamo temporaneamente i commenti agli articoli
© RIPRODUZIONE RISERVATA.


Torna in alto