Intesa SanPaolo ha nuove opportunità di lavoro aperte!

La banca Intesa SanPaolo cresce e si espande e negli ultimi 2 anni la società ha acquisito una delle ex Banche Venezianos e Ubi Banca, oltre a firmare diversi accordi con i sindacati che le obbligano ad assumere nuovo personale in quanto ci sono state diverse partenze involontarie. Inoltre, la banca ha avviato una nuova divisione del lavoro, focalizzata sull’area assicurativa, e solo quest’area richiede l’assunzione di almeno 500 dipendenti entro il 2021, principalmente per lavorare nell’area del servizio clienti post vendita. Inoltre, il settore assicurativo esistente a Torino prevede una crescita che porta alla necessità di assumere più di 250 nuovi dipendenti. 

Intensa selezionata La banca SanPaolo seleziona di volta in volta i propri dipendenti per lavorare nelle sue varie filiali nel Paese italiano. Il profilo è abbastanza vario e dipende dai posti vacanti disponibili e aperti durante questo periodo e tutti sono disponibili sul sito web dell’azienda.

Solitamente gli assunti hanno lo stesso profilo: laureati (diplomati di un istituto di istruzione superiore) focalizzati sull’area tecnico-scientifica. I livelli di esperienza possono variare così come la forma di assunzione, che può essere per posizioni a tempo indeterminato, contratti temporanei o stage. 

Banco Intesa SanPaolo ha diversi posti vacanti, la maggior parte per la sede di Milano, ma ci sono anche posti vacanti per uffici su tutto il territorio nazionale, in regioni come Lazio, Lombardia, Toscana, Emilia Romagna, Veneto, Piemonte.

Vuoi saperne di più su queste e altre opportunità di lavoro? Quindi fare clic sul pulsante in basso per continuare a seguire il nostro articolo completo:


Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano connettersi tra loro in base a interessi e passioni. Per migliorare l'esperienza dei partecipanti alla community, sospendiamo temporaneamente i commenti agli articoli
© RIPRODUZIONE RISERVATA.


Torna in alto